top of page

URINOCOLTURA… TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE

















L’urinocoltura è un particolare esame delle urine, importante e spesso sottovalutato, che permette la rilevazione della presenza, sopra una determinata soglia, di batteri, ponendo i presupposti per una corretta diagnosi ed individuazione della terapia antibiotica. E’ infatti fondamentale da eseguire sempre prima di quest’ultima, soprattutto per discriminare se il sintomo urinario è da ricondurre alla presenza di batteri o solo a una infiammazione o malfunzionamento del pavimento pelvico.


Se positivo l’esame fornirà il nome del patogeno, la carica batterica e l’antibiogramma, ovvero l’antibiotico migliore per curare l’infezione ed eventuali resistenze.


Tuttavia, per avere una restituzione efficace dell’esame è molto importante raccogliere correttamente il campione di urina, seguendo alcune semplici regole:

  • È buona norma raccogliere la prima urina del mattino: una volta sveglie eseguire un bidet preventivo, poi scartare il primo getto e raccogliere il mitto intermedio riempiendo il barattolo fino a metà.

  • Prestare attenzione a non toccare l’interno del barattolo con le mani e non appoggiare il bordo del barattolo a contatto con i peli o con la vulva.

  • Chiudere bene il barattolo.

Ma è proprio necessario raccogliere la prima urina? E’ consigliato, laddove possibile, ma ci tengo a sottolineare che piuttosto che non eseguire affatto l'esame, o rimandarlo, meglio raccogliere le urine in qualsiasi momento, così da poter dare un nome all’infezione, qualora ce ne fosse una, ed escludere eventuali altre problematiche.

156 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Commenting has been turned off.
bottom of page