FAQ – Esistono veri rimedi contro la nausea del primo trimestre?

//FAQ – Esistono veri rimedi contro la nausea del primo trimestre?

La nausea del primo trimestre è del tutto fisiologica e, per trovarne il rimedio, bisognerà armarsi di tanta pazienza e fare un po’ di tentativi, in attesa di trovare quello giusto per sé. Sappiamo che la nausea gravidica è proporzionale alla quantità di bhcg (l’ormone della gravidanza) e che quindi può essere più importante nelle gravidanze gemellari ed in alcune condizioni patologiche rare legate alla gravidanza come la mola vescicolare; entrambe le condizioni sono infatti caratterizzate da una concentrazione di tale ormone nel sangue molto maggiore rispetto alle gravidanze singole e fisiologiche. Inoltre le gravidanze indesiderate, provocando un inevitabile stato di ansia nella madre, sono più soggette ad importante nausea.
Dal punto di vista pratico, uno dei comportamenti che si può iniziare ad assumere è quello di mangiare poco e spesso, facendo uno spuntino ogni due ore circa, dare la preferenza a cibi salati e secchi, come cracker o fette biscottate, non associare cibi solidi e liquidi (in sostanza evitare di bere in occasione dei pasti).
È meglio evitare alcuni cibi che sono tendenzialmente associati a nausea come caffè, the, succhi di frutta, e alimenti molto grassi o dai sapori forti, per esempio troppo speziati o con peperoncino. È sempre bene masticare a lungo, per stimolare la salivazione e facilitare la digestione.

Oltre alle strategie alimentari, anche alcune piccole abitudini possono aiutare ad alleviare la nausea:
• Non stare troppo a lungo seduta per non comprimere lo stomaco, specie dopo mangiato.
• Non sdraiarti a stomaco pieno.
• Fare lunghe passeggiate all’aria aperta
• Evitare i viaggi lunghi in macchina e i luoghi chiusi e affollati, dove l’aria ristagna facilmente.

Esistono poi dei rimedi naturali come lo zenzero, lo si può assumere in tisana, già pronta o facile da preparare anche a casa: basta versare acqua bollente su qualche fettina di zenzero fresco o candito. Se la nausea è molto intensa, si possono provare preparati fitoterapici a base di zenzero, ma questo solo dietro la consulenza di un medico esperto in questo tipo di rimedi.
Per quanto riguarda altri rimedi come i braccialetti anti-nausea, che agiscono secondo i principi della digitopressione, i ghiaccioli reidratanti e prodotti come citrosodina ® e biochetasi ®, gli studi condotti hanno dato risultati contrastanti e non definitivi.
Se la nausea fosse molto intensa ed accompagnata da vomito più volte al giorno, esistono vere e proprie soluzioni farmacologiche. Consultate sempre il vostro ginecologo curante e affidatevi ai suoi consigli. Infatti, specialmente i farmaci, sono da considerare solo se strettamente necessari e da assumere su indicazione e controllo del medico.
In rarissimi casi, si va incontro a ricovero ospedaliero. In queste occasioni si parla di iperemesi gravidica, vera e propria patologia del primo trimestre di gravidanza, nella quale la nausea ed il vomito si accompagnano a perdita importante di peso, disidratazione e alterazioni metaboliche e nutrizionali.

2018-10-12T09:02:18+00:004 Ottobre 2018|Età Fertile|